soggiorni

Guatemala / Messico Tour Torna ai Tour

  • GUATEMALA E YUCATAN
  • 9 Giorni - 8 Notti - Min. 2 Persone

Un tour che coniuga in un perfetto equilibrio Tikal, le città coloniali e le attrazioni naturalistiche del Guatemala con i siti archeologici Maya nella penisola dello Yucatan

  • 1° GIORNO: CITTA' DEL GUATEMALA

    Arrivo all'aeroporto internazionale di Città del Guatemala.
    Trasferimento all'hotel Barcelo o similare. Registrazione e pernottamento.

    Località: CITTÀ DEL GUATEMALA
  • 2° GIORNO: CITTA' DEL GUATEMALA - CHICHICASTENANGO - LAGO ATITLAN

    Dopo la colazione, partenza per Chichicastenango, una delle località più famose e affascinanti del Paese: visita del celebre mercato che, nonostante le inevitabili contaminazioni turistiche, rimane sempre uno spettacolo quanto mai suggestivo, così come le cerimonie cattolico-pagane all'interno della chiesa di Santo Tomas.
    Dopo il pranzo, si prosegue alla volta del lago Atitlan, posto a circa 1500 metri di altitudine e circondato da tre vulcani; lungo le sue sponde sorgono numerosi villaggi appartenenti a vari gruppi etnici indio.
    Pernottamento all'hotel Santa Catarina o similare.

    Località: CHICHICASTENANGO / LAGO ATITLAN
  • 3° GIORNO: LAGO ATITLAN - ANTIGUA - CITTA' DEL GUATEMALA

    In mattinata giro in barca sulle acque del lago e visita alla comunità indigena di San Antonio Palopo. Partenza per Antigua: l'antica capitale del Guatemala, è una deliziosa cittadina dai meravigliosi ricordi coloniali, dominata dalla mole dell'imponente vulcano Agua.
    Dopo il pranzo, nel pomeriggio è prevista la visita della città: la Plaza de Armas, la Cattedrale che risale al XVI secolo, il museo dell’Università di San Carlos, il Convento dei Cappuccini, la Chiesa de la Merced e di Santa Clara.
    Arrivo a Guatemala City, pernottamento all'hotel Barcelo o similare.

    Località: ANTIGUA GUATEMALA / CITTÀ DEL GUATEMALA
  • 4° GIORNO: CITTA' DEL GUATEMALA - TIKAL - FLORES

    Prima colazione. Partenza con volo di linea per Flores. All'arrivo trasferimento al parco archeologico di Tikal: il più grande sito Maya del Paese, una delle creazioni architettoniche ed urbanistiche più alte che il genio di questo popolo seppe creare durante la sua esistenza. La città venne fondata probabilmente intorno all'800 a.C. e tra il rigoglio della giungla vennero edificati splendidi edifici quali piramidi altissime, templi, acropoli e palazzi.
    Pranzo a pic-nic. Nel pomeriggio, rientro a Flores e sistemazione in hotel.
    Pernottamento all'hotel Villa Maya o similare.

    Località: TIKAL / FLORES
  • 5° GIORNO: FLORES - YAXCHILAN - PALENQUE

    Prima colazione. Partenza in bus per il confine messicano attraverso le foreste del Peten; all'arrivo imbarco su delle lance e navigazione sul fiume Usumacinta fino al paesino di Corozal dove verranno effettuate le pratiche doganali.
    Proseguimento all'antica città Maya di Yaxchilan, interamente coperta dalla giungla il cui silenzio è rotto dalle grida delle scimmie e dagli innumerevoli uccelli tropicali. Pranzo in un ristorante locale. Nel pomeriggio proseguimento per Palenque e sistemazione nell’hotel ChanKah o similare.

    Località: YAXCHILAN / PALENQUE
  • 6° GIORNO: PALENQUE - CAMPECHE

    Prima colazione. La mattina è dedicata alla visita delle rovine, circondate da una giungla molto fitta: tra i numerosi monumenti segnaliamo il Tempio delle Iscrizioni, costruito sopra una serie di piramidi e tomba del famoso re Pakal, il grande palazzo con la torre, probabilmente un osservatorio, e il Tempio della Croce.
    Dopo il pranzo, nel pomeriggio partenza per Campeche, con breve visita della città vecchia dalla tipica atmosfera coloniale. Arrivo e sistemazione nell’hotel Plaza o similare.

    Località: CAMPECHE
  • 7° GIORNO: CAMPECHE - UXMAL - MERIDA

    Prima sosta odierna prevista nella zona archeologica di Uxmal, una delle più importanti testimonianze della civiltà Maya.
    Pranzo in un ristorante locale. Nel pomeriggio arrivo a Merida, la capitale dello Stato dello Yucatán, che è conosciuta come “città bianca”, così chiamata per i suoi edifici coloniali. E’ prevista una sosta allo “zocalo” per visitare la Cattedrale, il Palazzo del Governo e il Palazzo Municipale.
    Pernottamento nell’hotel Del Gobernador o similare.

    Località: UXMAL / MÉRIDA
  • 8° GIORNO: MERIDA - IZAMAL - CHICHEN ITZA - CANCUN

    Prima colazione. In mattinata partenza alla volta di Izamal: qui gli spagnoli edificarono, sopra le rovine di un tempo Maya, il grandioso convento di S. Antonio. Si prosegue volta di Chichen Itza, la più grande città Maya dello Yucatan e dichiarata patrimonio culturale mondiale dall'Unesco.
    Dopo il pranzo, nel pomeriggio visita del sito, fondato intorno al 400 d.C. che venne occupata dai Toltechi intorno all'anno 1000 per poi essere abbandonata intorno al 1250: numerosissimi edifici testimoniano lo splendore di Chichen, tra cui la grande piramide detta "El Castillo", il Tempio dei Giaguari e l'Osservatorio.
    Nel tardo pomeriggio proseguimento per Cancun, sul Mar dei Caraibi. Arrivo e sistemazione nell’hotel La Quinta Inn o similare.

    Località: IZAMAL / CHICHEN ITZA / CANCÚN
  • 9° GIORNO: CANCUN

    Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza.

    Località: CANCÚN
  • Al momento non ci sono offerte per questo tour

    Potrebbero interessarti anche

    € 580

    Marocco - 8 GIORNI 7 NOTTI

    MAROCCO LE CITTA' IMPERIALI

    € 690

    Giordania - 8 GIORNI - 7 NOTTI

    LE MERAVIGLIE DELLA GIORDANIA

    € 750

    Vietnam - 6 GIORNI - 5 NOTTI

    VIETNAM VERO

    € 850

    Cambogia - 7 notti - 8 giorni

    CAMBOGIA AUTENTICA

    € 900

    Cuba - 9 giorni - 8 notti

    CUBA ON THE ROAD IN CASA PARTICULAR

    € 1.100

    Giappone - 7 GIORNI - 6 NOTTI

    EASY TOKYO & KYOTO

    € 1.650

    Guatemala / Belize - 10 giorni - 9 notti

    GUATEMALA & BELIZE

    € 1.950

    Perù - 12 giorni - 11 notti

    PERU ON THE ROAD

  • QUOTE A PERSONA (minimo 2 persone) partenze libere

    GUATEMALA E YUCATAN
    9 giorni / 8 notti    
     dal 01/01/2021 al 19/12/2021
    partenze libere
    quota a persona in camera doppia da € 2.170 (solo tour)

    Quota voli intercontinentali e interni su richiesta

    Le quote comprendono:

    • Sistemazione negli hotel indicati o similari (4 stelle)
    • Colazione americana giornaliera
    • 7 pranzi (2°, 3°, 4°, 5°, 6°, 7°, 8° giorno)
    • Trasporto in van con aria condizionata
    • Guida in lingua italiana (una in Guatemala e una in Messico)
    • Ingresso ai siti archeologici e musei menzionati nel programma
    • Facchinaggio

    Le quote non comprendono:

    • Cene e pasti non indicati nel programma
    • Volo Guatemala/Flores 150 dollari - soggetto a cambio
    • Bevande ai pasti
    • Extra in genere
    • Mance
    • Tasse di attraversamento di frontiera Guatemala/Messico
    • Pacchetto “ZERO PENSIERI” € 55 a persona OBBLIGATORIO
  • Guatemala - Informazioni Utili


    Località raggiunte dal tour

    Antigua Guatemala
    Descrizione: Antigua è una cittadina situata nella zona di montagna al centro del Guatemala, famosa per i suoi esempi ottimamente conservati di architettura barocca Ispano-americana e per il fatto che vi si trovano varie antiche chiese in rovina molto suggestive. È stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1979. Fu fondata il 10 marzo del 1543, dopo che la vicina cittadina di Ciudad Vieja fu distrutta da un'alluvione. Antigua fu per oltre 200 anni la sede del governatore militare della Capitaneria Generale del Guatemala, un vasto territorio facente parte delle colonie spagnole, che comprendeva quasi tutta l'odierna America centrale. Dal punto di vista turistico, Antigua vanta uno dei centri storici coloniali meglio conservati, mentre intorno alla città si trovano tre vulcani: il Volcan de Agua, il Volcan de Fuego e l'Acatenango.

    Chichicastenango
    Descrizione: Santo Tomás Chichicastenango, o semplicemente Chichicastenango, è un comune del Guatemala facente parte del dipartimento di Quiché. Chichicastenango vanta uno dei mercati più spettacolari dell’America Centrale; ha luogo ogni giovedì e domenica mattina. Chichicastenango, la più famosa cittadina sulla Cordillera del Guatemala, ospita dal 13 al 21 dicembre la Fiesta de Santo Tomás, uno degli eventi più spettacolari dell'America Centrale: un sincretismo tra tradizioni Maya e cattoliche per celebrare il Santo patrono.

    Città del Guatemala
    Descrizione: Città del Guatemala è la capitale del Guatemala nonché, con più di 4 milioni di abitanti , la città più popolosa dell'America centrale. Fondata nel 1620 dagli spagnoli sulle rovine di un antico insediamento maya, è stata capitale delle Province Unite dell'America Centrale dal 1823 al 1834. La maggior parte delle attrattive turistiche si concentra nella zona di Plaza Mayor. Sul lato settentrionale della piazza c'è il magnifico Palacio Nacional; interessante è anche la vicina Catedral Metropolitana, realizzata tra il 1782 e il 1809, che ha resistito a incendi e terremoti.

    Flores
    Descrizione: Flores è un comune del Guatemala, capoluogo del Dipartimento di Petén. Negli ultimissimi anni Flores ha raggiunto una certa fama turistica come base di partenza per le escursioni al sito archeologico di Tikal. Il centro storico della città si trova su una isola del lago Peten Itza ed è collegata da un ponte alla terraferma, su cui si trovano le cittadine di Santa Elena e di San Benito. La popolazione degli Itza abbandonò la regione dello Yucatán nel tredicesimo secolo e costruì la città che venne chiamata Noh Petén, cioè letteralmente "città isola". costituirono l'ultimo territorio Maya indipendente durante le conquiste spagnole. Nel 1541 Hernán Cortés giunse sull'isola nella sua esplorazione verso l'Honduras, ma il suo incontro con il re Canak fu pacifico e non ne tentò la conquista. Gli spagnoli conquistarono l'isola nel 1697, molti Itzá si rifugiarono nelle foreste circostanti e probabilmente fondarono una nuova città: molti Itzá si rifugiarono nelle foreste circostanti e probabilmente fondarono una nuova città.

    Lago Atitlan
    Descrizione: Il lago Atitlán è un grande lago situato sugli altopiani del Guatemala. Il bacino del lago è di origine vulcanica e occupa un'enorme caldera formata da un'eruzione di 84 mila anni fa. È noto come uno dei più bei laghi del mondo ed è riconosciuto come il lago più profondo dell'America Centrale, con profondità massima di 340 metri. Il lago è modellato da scarpate profonde che lo circondano e da tre vulcani sul suo fianco meridionale ed è contornato da città e villaggi popolati da popolazione Maya.
    Diversi siti archeologici Maya sono stati trovati intorno al lago: Sambaj, situato a circa 55 metri sotto il livello attuale del lago, sembra essere almeno dal periodo pre-classico. Vi sono resti di molti gruppi di edifici, compreso un grosso gruppo di edifici ritenuto essere stato il centro dell'insediamento. Un secondo sito, Chiutinamit, è stato scoperto dai pescatori locali, che "hanno notato quella che sembrava essere una città subacquea". Durante le conseguenti indagini, sono stati rinvenuti cocci di ceramica che hanno permesso la datazione del sito al tardo periodo pre-classico (600 a.C. - 250).

    Tikal
    Descrizione: Tikal è la più estesa delle antiche città in rovina della civiltà Maya. Tikal si trova in Guatemala nel dipartimento di Petén. Attualmente fa parte del Parco nazionale di Tikal, sito segnalato dall'UNESCO come uno dei siti Patrimoni dell'Umanità. La storia del meraviglioso sito di Tikal risale al VII secolo a.C., l'epoca in cui vi si sono stabiliti i primi Maya. Per molto tempo Tikal è stata un centro religioso importante, ma anche un crocevia commerciale molto strategico. La città, che raggiunse il suo massimo splendore tra il 700 e l'800 d.C., venne realizzata rispettando un codice simbolico relativo alle credenze cosmiche maya. Numerosi templi sorgono presso la Grande Piazza Centrale, caratterizzati per l'ascesa in verticale, come la piramide in nove corpi a cui venne aggiunta una cresta decorata. Spesso ospitano ancora intatti ampi corredi funerari. Il centro di culto è composto da sette complessi architettonici che ospitano stele ed altari. L'Acropoli invece non sembra essere destinata ai riti di culto, ma ad un uso residenziale.
  • Messico - Informazioni Utili


    Descrizione: NOTIZIE UTILI
    DOCUMENTI E VISTI
    Per i cittadini italiani è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità residua ed in regola con la marca da bollo annuale. Per chi dovesse utilizzare un volo via Stati Uniti, si renderà necessario l’utilizzo di un passaporto a lettura ottica (anche per i minori)– se emesso o rinnovato fino al 25 ottobre 2005, con fotografia digitale dal 26 ottobre 2005 e un passaporto elettronico o biometrico se emesso dal 26 ottobre 2006. In caso di figli minori di genitori che viaggiano separatamente o separati legalmente, è necessario un permesso speciale da richiedere al consolato messicano in Italia. La carta turistica che verrà rilasciata dalla compagnia aerea andrà consegnata al controllo passaporti e la copia rilasciata servirà per uscire dal paese.
    Si richiama l’attenzione dei clienti che intendano recarsi in Messico transitando per gli Stati Uniti, sulla nuova normativa in materia di passaporto e visto d’ingresso negli Usa. A tale riguardo, si consiglia di consultare il presente sito www.viaggiaresicuri.it alla pagina Stati Uniti “Informazioni generali” o direttamente il sito internet dell’Ambasciata americana www.travel.state.gov/.
    VIAGGI ALL’ESTERO DI MINORI
    La normativa sui viaggi all’estero dei minori varia in funzione delle disposizioni nazionali. Si consiglia di assumere informazioni aggiornate presso le ambasciate o i Consolati del Paese accreditati in Italia, presso la propria questura ed il proprio agente di viaggi; per i figli minori di genitori che viaggiano separatamente o separati legalmente o divorziati, si consiglia di contattare le autorità competenti per la verifica della documentazione specifica richiesta;
    Dal 26.06.2012 tutti i minori potranno viaggiare in Europa e all’estero soltanto con un documento di viaggio individuale. Ne consegue che da quella data non sono più valide tutte le iscrizioni dei minori sul passaporto dei genitori. Al contempo i passaporti dei genitori con iscrizioni di figli minori rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza.
    VACCINAZIONI E PRECAUZIONI SANITARIE
    Non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria.
    CORRENTE ELETTRICA
    Il voltaggio è a 110 volt. È quindi necessario munirsi di un riduttore standard a due lamelle piatte.
    VALUTA
    La moneta ufficiale è il peso messicano. Consigliamo di portare Euro in quanto il cambio è più favorevole del Dollaro Usa.
    DIFFERENZA ORARIA
    Stato di Quintana Roo (Cancun e Riviera Maya) – 6 ore, Messico centrale (tutto il resto del paese) – 7 ore, Baja California – 8 ore.
    Dal 29 marzo al 5 aprile (introduzione ora legale in Messico)
    Stato di Quintana Roo (Cancun e Riviera Maya) – 7 ore, Messico centrale (tutto il resto del paese) – 8 ore, Baja California – 9 ore.
    Dal 5 aprile al 25 ottobre
    Stato di Quintana Roo (Cancun e Riviera maya) – 7 ore, Messico centrale (tutto il resto del paese) – 7 ore, Baja California – 8 ore.
    CLIMA E ABBIGLIAMENTO
    Il Messico è un paese molto esteso con un clima che varia in funzione dell’altitudine. L’altopiano centrale gode di condizioni climatiche piacevoli, di tipo primaverile, con serate fresche d’inverno, mentre nelle zone interne del nord si possono raggiungere temperature più basse. Sulla Riviera Maya il clima è di tipo tropicale, secco da novembre ad aprile, più umido da maggio a ottobre con qualche possibilità di acquazzoni.
    Le temperature massime sulla costa giungono fino a 35 gradi. In Baja California, nei mesi di luglio, agosto e settembre, la temperatura può arrivare anche a 45 gradi. Durante tutto l’anno è consigliato un abbigliamento estivo per i soggiorni mare con un maglioncino per ripararsi dall’aria condizionata e qualche capo elegante per la sera. Anche un leggero k-way può essere utile per gli sporadici acquazzoni. Non dimenticate un copricapo, occhiali da sole, protezioni solari, repellenti per insetti. Segnaliamo inoltre che da agosto a novembre si possono verificare acquazzoni tropicali o uragani, fenomeni tipici dell’area del Golfo del Messico così come delle coste centro-meridionali del Pacifico.
    LINGUA
    La lingua ufficiale è lo spagnolo. Abbastanza diffuso anche l’inglese.
    MANCE
    In Messico è uso dare la mancia a chiunque presta un servizio. Nei ristoranti e negli alberghi il servizio non è compreso e va aggiunto al conto in misura del 15 % circa.
    TELEFONO
    Per telefonare in Italia si compone il prefisso internazionale 0039, seguito dal numero dell’abbonato. Le telefonate con addebito in Italia (por cobrar) sono possibili direttamente solo dalle grandi città e dagli hotel. Gli alberghi applicano un supplemento su tutte le telefonate.
    Per chiamare in Messico dall’Italia comporre il prefisso 0052 seguito dal prefisso della città e numero dell’abbonato.
    AMBASCIATA
    L’Ambasciata italiana a Messico City si trova in Paseo de Las Palmas 1994, Colina Lomas 11000 Mexico D.F., Tel. 0052-55-55963655.
    CARTE DI CREDITO

    Consigliamo di munirvi di una carta di credito (tipo Visa o Mastercard) prima della vostra partenza per il Messico più una somma in contanti.
    ALBERGHI
    Tutti gli alberghi proposti in questo catalogo sono stati preventivamente ispezionati da nostro personale specializzato, onde verificarne il livello del servizio. La classificazione riportata per ogni albergo è quella attribuita dalle autorità locali competenti. Ricordiamo che le camere triple, intese come camere a tre letti separati, non sono disponibili in Messico: la sistemazione è prevista nei letti esistenti (due letti “queen size” o un letto “king size”) in grado, quasi sempre, di accogliere fino a tre persone, ma senza letti aggiunti. É necessario segnalare che in Chiapas e a Palenque gli alberghi non sono all’altezza di altre località messicane. Sono molto caratteristici e belli esternamente ma, essendo case coloniali ristrutturate, presentano alcune problematiche riguardo le camere.
    IMPORTANTE
    In tutti i paesi dell’area mesoamericana, all’atto della registrazione in albergo, viene richiesto di firmare una ricevuta in bianco sulla quale è stata impressa la vostra carta di credito a garanzia degli eventuali extra. È necessario avere con se almeno una carta di credito o dollari americani da lasciare alla reception come deposito.
    TASSE AEROPORTUALI/TASSE DOGANALI
    In aggiunta alle tasse aeroportuali internazionali incluse nel biglietto aereo, vi sarà richiesto il pagamento di tasse aeroportuali da corrispondersi in aeroporto prima di effettuare la registrazione di ogni volo nell’ordine di 21 dollari circa (per persona per tratta) per i voli nazionali e 30 dollari per quelli internazionali (se non sono già incluse nel biglietto aereo). Saranno richieste anche delle tasse doganali di uscita e/o entrata se si visitano più paesi.
    SERVIZIO MEDICO
    Il servizio sanitario in Messico è molto dispendioso. Unitamente alla polizza assicurativa stipulata al momento della prenotazione, vi suggeriamo di ampliare la copertura tramite la sottoscrizione di una polizza integrativa, per poter vivere la vacanza con la massima sicurezza e tranquillità.
    UN BUON SUGGERIMENTO

    Come per tutti i paesi della fascia tropicale, si raccomanda di bere solo acqua imbottigliata e di non aggiungere ghiaccio alle bevande. Evitare la frutta già sbucciata e la verdura cruda che si vende per le strade.
    SICUREZZA
    Il Messico è un paese che guarda con simpatia il turista e lo considera il benvenuto. Le località turistiche in generale sono sicure e non vi sono particolari indicazioni da dare se non quelle di evitare di girare per strade troppo isolate, soprattutto nelle ore serali e notturne. Per ciò che concerne le grandi città (soprattutto Città del Messico) sarà sufficiente prestare attenzione agli effetti personali ed evitare di ostentare gioielli ed oggetti di valore.
    NIENTE FOTO PER FAVORE!
    Nei villaggi situati all’interno le credenze maya sono molto radicate: tante sono le cerimonie, in bilico tra il sacro ed il profano, che potranno attirare la vostra attenzione, ma non sarà possibile scattare fotografie. Come narra un’antica leggenda, “le foto rubano l’anima”.
    UN PÒ DI PAZIENZA
    Le condizioni delle infrastrutture in Messico non sono sempre a livelli eccelsi. I mezzi di trasporto pubblici, soprattutto quelli via terra, difficilmente sono dell’”ultima generazione”. Le stesse strade, al di fuori delle grandi arterie che collegano le città principali, possono essere sterrate e diventare impraticabili dopo una pioggia particolarmente violenta. Tutto questo potrebbe comportare ritardi durante i vostri spostamenti: non preoccupatevi, il paesaggio ripagherà abbondantemente eventuali piccoli imprevisti.
    TASSA DI RISANAMENTO AMBIENTALE
    Dal 01/01/17 lo stato del Quintana Roo del Messico ha introdotto una Tassa di risanamento ambientale di 20 pesos (circa € 1,00) per notte per camera. Questa somma sarà da saldare direttamente in Hotel al momento del check-out.

    Località raggiunte dal tour

    Campeche
    Descrizione: Nello stato di Campeche c’è un contrastano di paesaggi, cominciando dalle folte foreste, fiumi abbondanti e laghi del centro, fino ad arrivare ai piccoli paesi di pescatori sul litorale, passando tra le innumerevoli rovine Maya e antiche città coloniali ancora ben conservate.
    La capitale, San Francisco di Campeche, dichiarata Patrimonio dell’Umanità, è stata ai tempi del governo spagnolo, il porto più importante della penisola di Yucatan poiché qui si concentrava l’esportazione di radici e legno, specialmente il palo de tinte o di Campeche, un colorante naturale che fu enormemente richiesto in Europa e America fino alla comparsa dei coloranti industriali.
    La prosperità della capitale ha fatto sì che si convertisse nel centro degli attacchi dei pirati inglesi, francesi e olandesi, quindi dopo di una terribile invasione successa nel 1663 si sono rifatte le mura della città, rinforzandole per di più con otto bastioni. Oggi sono uno dei punti turistici piu’ importanti, alla pari del centro città, denso di vie coloniali, mansioni eclettiche y eleganti parchi, i quali fanno una gradevole città da percorrere.

    Cancún
    Descrizione: Prima meta turistica dei Caraibi, situata nello stato di Quintana Roo, sulla penisola dello Yucatán, la costa d'oro dei Maya, si divide in due aree: una sulla terraferma, dove c’è la città, e l’altra l'isola di Cancún, lunga 22 km, unita alla terraferma da due ponti.
    Sull'isola si estende la "zona hotelera" con alberghi fino a 20 piani, discoteche, e grande abbondanza di attrazioni, tra cui centri di benessere e palestre, campi da golf, parchi e piste ciclabili, porto turistico. Cancún può essere raggiunta da Playa Del Carmen con una superstrada, ed è dotata di un aeroporto internazionale, il Cancun International Airport Riviera Maya, secondo aeroporto della nazione.

    Chichen Itza
    Descrizione: Chichén Itzá è un importante complesso archeologico maya situato nel Messico, nel nord della penisola dello Yucatan. Le rovine, che si estendono su un'area di 3 km², appartenevano a una grande città che fu uno dei più importanti centri della regione intorno al periodo epiclassico della civiltà maya, fra il VI e l'XI secolo. Il sito comprende numerosi edifici, rappresentativi di diversi stili architettonici; fra i più celebri si possono indicare la piramide di Kukulkan (nota come El Castillo), l'osservatorio astronomico (il Caracol) e il Tempio dei guerrieri. Il sito di Chichén Itzá è stato dichiarato patrimonio dell'umanità UNESCO nel 1988.
    Il nome Chichén Itzá deriva dalle parole chi ("bocca") e ch'en ("pozzo"), e significa letteralmente "Alla bocca del pozzo degli Itza", che erano un gruppo etnico che aveva una posizione politica ed economica predominante nella parte settentrionale dello Yucatan. Chichén Itzá ascese al predominio regionale approssimativamente nel 600 d.C. e il sito divenne una grande capitale regionale, centralizzando e dominando politicamente, culturalmente ed economicamente la vita nelle pianure settentrionali dei Maya.

    Izamal
    Descrizione: Izamal è un'incantevole città coloniale dove si respira l'atmosfera di un piccolo pueblo. Questa località è uno dei "pueblos magici" del Messico, una nomina offerta dalla Segreteria del Turismo del Messico alle città con un'importante eredità storica o culturale. Tutte le case, i negozi e le chiese di Izamal sono dipinte di un giallo dorato che le è valso il soprannome di "Città Gialla".
    Izamal fu un importante sito religioso Maya; qui oggi è possibile visitare i siti archeologici di quattro grandi piramidi che dominano il centro della città. Nel centro di Izamal si trova il Convento di Sant'Antonio da Padova, un enorme monastero francescano, che è anche uno dei più antichi monasteri cattolici presenti nel continente americano; anche il convento presenta lo stesso caratteristico colore giallo tipico del villaggio.

    Mérida
    Descrizione: La Città Bianca, per eccellenza una città coloniale. Mérida è il punto di partenza ideale per le escursioni a posti archeologici. Essa è caratterizzata dalla generosa ospitalità della sua gente, i suoi quartieri coloniali, con palazzi e viali alberati, con servizi di classe mondiale, ricca gastronomia, vita notturna e strutture moderne e garantisce il successo aziendale duraturo ricordo di una esperienza unica. Negli ultimi anni, Merida è diventato noto come il "medico della capitale sud-est del paese," perché offre una moderna ed efficiente di infrastrutture per l'assistenza sanitaria, la città ha una vasta rete di ospedali, cliniche e laboratori sia pubblici e privati al fine di garantire le cure mediche di primo livello e di alta specializzazione con eccellenti professionalità e costi competitivi. E’ uno spettacolo che si realizza nella Plaza Principal e nei Parques (Parchi) Hidalgo, Santa Lucia, della Madre e de las Americas, con gran successo da più di 10 anni. La maggior attrazione è la presentazione del Ballet Folclórico del Ayutamiento e di diversi gruppi musicali.

    Palenque
    Descrizione: Situata nel nord-ovest dello stato messicano del Chiapas, Palenque è un sito archeologico Maya di medie dimensioni, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1987.
    Il Luogo era già occupato alla metà del periodo pre-classico, ma fu dal V al IX secolo che rappresentò un centro vitale della civiltà Maya. Proprio in questo stesso periodo Palenque era capitale della regione di B'akaal (osso nell'antica lingua dei Maya), compresa tra la zona di Chiapas e Tabasco.
    Tuttavia già nell’VIII secolo la città subì una sempre più forte influenza da parte di Toniná, un altro sito Maya da essa non molto distante, e questo diede avvio alla sua decadenza. Il successivo abbandono, a partire dal X secolo, è probabilmente causato dall’arrivo di nuove popolazioni provenienti dal Golfo del Messico.
    A Palenque l’universo maya si esprime attraverso le architetture e sotto forma di rilievi e di glifi: il mondo dei mortali è rappresentato dal Palacio e il mondo degli dei dai Templi del Gruppo della Croce, mentre il Tempio delle Iscrizioni è il luogo dove l’uomo si fa dio.
    La città di Palenque fu riscoperta soltanto a partire dal XVIII secolo e ciò che vediamo oggi è solo una minima parte di una città che in passato aveva un’estensione di oltre 15 kilometri.
    Palenque si trova immersa in una selva tropicale e presenta un clima essenzialmente caldo e umido. È caratterizzata da abbondanti precipitazioni durante tutto l’anno e in particolare piogge torrenziali in estate con una temperatura media annuale di circa 26°C.
    La lingua ufficiale parlata a Palenque è lo spagnolo, la moneta in circolazione il nuovo Peso Messicano (Nuevo Peso).

    Uxmal
    Descrizione: Il nome di Uxmal, che significa “tre volte costruita” o “tre raccolti”, già fa riferimento alla complessità di questa città situata nella colline di Pucc, un insieme di colline dove–rompendo la monotonia della pianura di Yucatan-, s’insediarono varie città maya.
    Il suo apogeo si dà durante il tardo Classico e nel finale, considerata come la cittàpiù importante della regione Puuc, arrivando a coprire una estensione di 12 km quadrati e con una popolazione intorno ai 20,000 abitanti.
    L’importanza di Uxmal ha anche a che vedere con la enorme quantità di lavoro invertitanella costruzione dei suoi edifici. Questa città si unì a Kabah attraverso un sacbé di 18 chilometri.
    Sede del potere economico e politico di una ampia regione, della quale irradiò lo stile architettonico Puuc.
    A differenza della maggior parte delle città preispaniche, la disposizione delle strutture a Uxmal non sembrano seguire un ordine geometrico. I suoi spazi si organizzano di una forma più sottile, basata su due principi: in primo luogo, gli edifici sono orientati in riferimento a fenomeni astronomici, come la salita e discesa di Venus, e in secondo luogo, sono adattati alla topografia del luogo, composta da una serie di colline.


    Yaxchilan
    Descrizione: Yaxchilán è un importante imponente sito archeologico Maya situato nel comune di Ocosingo nello Stato federato del Chiapas in Messico. La città probabilmente denominata come Pa’ Chan, fondata nel 320 d.C. affacciata su un’ansa del fiume Usumacinta (il più grande in Messico), lungo le rive e verso l’entroterra, fu abitata fino all’abbandono nell’810. In posizione remota ma strategica per il controllo sul commercio fluviale, Yaxchilán fu una città tra le più influenti nella regione dell’Usumacinta nel periodo Classico Maya, in particolare come capoluogo nel Tardo classico (600-800). Scoperta tra fitte foreste sempreverdi nel 1833 e sotto scavo archeologico dal 1882, la città Maya fu rinominata Menché e poi Lorillard, quindi Yaxchilán ai primi del ‘900. Dopo intensi scavi archeologici a partire dagli anni ’70, Yaxchilán è stata in parte restaurata. Le maestose rovine di Yaxchilán sono esemplari per l’architettura in stile di Petén (come nel sito di Tikal a 119 km verso nord), per le centinaia di opere scultoree (stele con testi e raffigurazioni su ambo le facce, altari, architravi su portali decorati, iscrizioni, bassorilievi in stucco) ben conservate e per i dipinti murali tradizionali nella regione dell’Usumacinta. Nei monumenti, i testi geroglifici e le rappresentazioni narrano la storia della città: i sovrani delle dinastie regnanti, le alleanze politiche, i conflitti armati per sete di potere e di conquiste territoriali, i riti cerimoniali.

Condividi su: